(+39) 3934091729 info@dumacanduma.org

Login

Registrati

Crea il tuo account per prenotare le tue attività e interagire sul sito
Username*
Password*
Conferma password*
Nome*
Cognome*
Codice fiscale*
Data di nascita*
Email*
Cellulare*
Nazionalità*
Indirizzo*
Acconsento al trattamento dei dati personali secondo la informativa sul trattamento dei dati personali (art. 13 D.lgs. 196/2003) (art. 13 GDPR 679/2016)
Per favore, accetta i termini e le condizioni per inviare il tuo messaggio.

Hai già un account?

Login
(+39) 3934091729 info@dumacanduma.org

Login

Registrati

Crea il tuo account per prenotare le tue attività e interagire sul sito
Username*
Password*
Conferma password*
Nome*
Cognome*
Codice fiscale*
Data di nascita*
Email*
Cellulare*
Nazionalità*
Indirizzo*
Acconsento al trattamento dei dati personali secondo la informativa sul trattamento dei dati personali (art. 13 D.lgs. 196/2003) (art. 13 GDPR 679/2016)
Per favore, accetta i termini e le condizioni per inviare il tuo messaggio.

Hai già un account?

Login

Trekking nella selvaggia Val Codera

0
Weekend lungo
Quota 110€
Prenotazione
Chiedi informazioni:
Nome e cognome*
Indirizzo email*
Chiedi informazioni*
Acconsento al trattamento dei dati personali secondo l'informativa sul trattamento dei dati personali (art. 13 D.lgs. 196/2003) (art. 13 GDPR 679/2016)
Per favore, accetta i termini e le condizioni per inviare il tuo messaggio.
Evento già passato!

Prenota

Aggiungi alla Lista dei Desideri

Per aggiungere un tour alla Lista dei Desideri devi creare un account

9996

Trekking nella selvaggia Val Codera

0
  • Calendario
    11/12/13 novembre 2022
  • Destinazione
    Val Codera
  • Gruppo
    Max 15 partecipanti

Una forra profonda alcune centinaia di metri, scavata nel vivo granito, difende l’imbocco della Val Codera. Da Novate, l’accesso sembra precluso. A sinistra le cicatrici di numerose cave sul Monte Avedée, a destra un ripido crestone impercorribile. Eppure dietro a queste “Colonne d’Ercole”, là dove non arriva l’auto, è una lunga valle, porta d’ingresso di quel regno di granito che si estende dalla Valchiavenna al Monte Sissone. Una valle che, come tutti i solchi di così cospicuo dislivello in pochi chilometri di sviluppo, alterna i dolci paesaggi di boschi e radure con i val­loni realmente infernali che cadono a picco dalle montagne incom­benti.

Tratto da Gognablog

La Val Codera, valle laterale della Val Chiavenna, è una delle più selvagge e preservate della provincia di Sondrio, in quanto ancora chiusa dall’accesso degli autoveicoli per la mancanza di una strada carrozzabile. Una leggenda narra che Dio, dopo aver creato il mondo, si ritrovò con un mucchio di pietre avanzate: le sparse un po’ alla rinfusa, e queste pietre crearono la val Codera, il cui nome, infatti, deriva da “cotaria” e quindi da “cote“, cioè masso.

La Val Codera, è una valle unica nell’intero arco alpino considerato che, se dovessimo percorrerla nella sua interezza, potremo camminare in uno scenario che dista almeno otto ore di cammino dalla più vicina automobile. Il che regala uno straordinario sentimento di tempo sospeso e lontano dalla civiltà, o meglio, alla sua forma presente.

Anche Leonardo da Vinci, nel suo codice Atlantico, la definì una valle “aspra e selvaggia”.

Oggi, grazie all’Associazione Amici della Val Codera, la valle vive grazie alle iniziative di pochi resistenti abitanti, otto per l’esattezza, e di tanti soci e amici che ogni anno si impegnano a far sì che questa valle continui a resistere.

 

Programma giorno per giorno

GIORNO 1: arrivo a Codera

La classica via di accesso alla valle è quella che conduce dal fondovalle a Codera. Si tratta anche di un itinerario compreso in classicissime traversate quali il Sentiero Roma, che proprio da qui parte, e il Sentiero Italia.

Dislivello (m): 845
Sviluppo (Km): 5 circa
Ore di cammino: 3 circa
Difficoltà: 3,5 piedini

GIORNO 2: da Codera al Rif. Luigi Brasca

Il Rifugio Luigi Brasca sorge in una conca di prati e boschi nell’incontaminata Alta Val Codera. Circondato da cime grandiose, come il Pizzo Ligoncio e la Punta Sfinge, è la prima tappa del famoso trekking “Sentiero Roma” che porta nel cuore del massiccio del Masino-Bregaglia.

Dislivello (m): 492
Sviluppo (Km): 17 circa
Ore di cammino: 5/6 circa
Difficoltà: 2,5 piedini

GIORNO 3: il sentiero del Tracciolino

Il Sentiero del Tracciolino è una delle più spettacolari opere di ingegneria umana della Valchiavenna. Stiamo parlando di un tracciato lungo 10 chilometri che corre ad un altezza costante di 920 metri fra la Val dei Ratti e la Val Codera, costruito negli anni Trenta del secolo scorso come collegamento fra due piccole dighe.

Dislivello (m): 500 circa
Sviluppo (Km): 12 circa
Ore di cammino: 5/6 circa
Difficoltà: 2 piedini

Dormire e mangiare

Il nostro trekking residenziale avrà come base il “paese che non c’è”: Codera.

Un borgo, 6 abitanti, la montagna. Qui saremo ospiti della Rifugio Osteria Alpina, un accogliente rifugio situato a 850 metri di altezza nel centro di Codera, suggestivo ed appartato borgo fuori dal tempo, dalle case di granito, abitato stabilmente da una decina di valligiani, privo di accesso stradale e perciò raggiungibile soltanto a piedi.

Il rifugio dispone di camere riscaldate, acqua corrente calda e fredda, doccia, possibilità di connessione internet su richiesta.

L’atmosfera familiare unita alla disponibilità dei soci gestori concilia una pausa ristoratrice e renderà senz’altro piacevole il nostro soggiorno!

 

Altre spese

55€ a persona al giorno (totale 110€) per il trattamento di mezza pensione (pernottamento, cena e colazione) in stanze doppie, triple, quadruple o piccole camerate a seconda della disponibilità (non è necessario portare sacco lenzuolo o sacco a pelo). 

I rimanenti pasti saranno al sacco (possibilità di acquisto panini presso il Rifugio).

N.B. La quota sarà da versare direttamente alla struttura.

Abbigliamento

Scarponcini o scarpe da trekking, borraccia (piena), bastoncini, abbigliamento in relazione alla stagione.

Foto
DOMANDE?

Posso iscrivermi anche io?

Certo, le nostre escursioni sono aperte a tutti purché camminatori in buona forma e salute.

Come faccio a capire se l'escursione fa al caso mio?

Prima di iscriverti ti consigliamo di leggere il nostro regolamento e la scala di difficoltà.

Come mai non trovo le informazioni per il ritrovo?

Perché il punto e l’orario di ritrovo vengono comunicati ai soli partecipanti all’escursione alla chiusura delle iscrizione.

Quando si chiudono le iscrizioni?

Le iscrizioni si chiudono entro le 18 di venerdì per le escursioni della domenica e entro le 18 del giovedì per le escursioni del sabato o al raggiungimento del numero max di partecipanti;

Cosa succede se disdico?

Eventuali disdette pervenute oltre le ore 18 di venerdì per le escursioni della domenica o oltre le ore 18 di giovedì per le escursioni del sabato, comporteranno comunque il pagamento dell’intera quota.

Ho ancora qualche dubbio...

Per qualsiasi dubbio ti invitiamo a leggere le risposte alle domande che spesso ci vengono fatte.

1 persone sono interessate a questo evento!