(+39) 3934091729 info@dumacanduma.org

Login

Registrati

Crea il tuo account per prenotare le tue attività e interagire sul sito
Username*
Password*
Conferma password*
Nome*
Cognome*
Codice fiscale*
Data di nascita*
Email*
Cellulare*
Nazionalità*
Indirizzo*
Acconsento al trattamento dei dati personali secondo la informativa sul trattamento dei dati personali (art. 13 D.lgs. 196/2003) (art. 13 GDPR 679/2016)
Per favore, accetta i termini e le condizioni per inviare il tuo messaggio.

Hai già un account?

Login

Trekking vista mare in Croazia: l’isola di Lussino

0
VIAGGIO 2024
Quota 1.090€
ISCRIVITI
CHIEDI INFO
Nome e cognome*
Indirizzo email*
Chiedi informazioni*
Acconsento al trattamento dei dati personali secondo l'informativa sul trattamento dei dati personali (art. 13 D.lgs. 196/2003) (art. 13 GDPR 679/2016)
Per favore, accetta i termini e le condizioni per inviare il tuo messaggio.
Settembre 23, 2024
* Per favore seleziona tutti i campi richiesti per poter procedere con la prenotazione

Iscriviti

Aggiungi alla Lista dei Desideri

Per aggiungere un tour alla Lista dei Desideri devi creare un account

17385

Trekking Organizzati: il calendario 2024!

Trekking Organizzati in Italia e nel Mondo

Iscriviti alla Newsletter!

Trekking vista mare in Croazia: l’isola di Lussino

0
  • 23-29 settembre 20247 giorni / 6 notti
  • Isola di LussinoCroazia
  • Max 8 personeconfermabile con 5 pax
  • Trasporto bagaglionon necessario
  • Tipo di viaggiostanziale
  • Difficoltà2,5 piedini

Trekking in Croazia: le isole del Quarnero

Le isole del Quarnero, conosciute ai tempi dei romani come arcipelago delle Absirtidi, hanno un fascino unico. Formano uno degli arcipelaghi più selvaggi di tutto il mediterraneo con stupendi sentieri tra boschi di mirto, leccio e ginepro. Le spiagge, orlate di pini, vengono bagnate da un mare color cobalto. Nel mare nuotano i delfini e in cielo volano i grifoni mentre a terra un clima eccezionale favorisce la crescita di una vegetazione subtropicale-mediterranea.

L’isola di Lussino è anche conosciuta come l’isola dei delfini in quanto il suo mare cristallino ospita la prima area marina protetta per i delfini di tutto il Mediterraneo.
Nelle isole più piccole dell’arcipelago si ha la piacevole sensazione di essere in un luogo senza tempo: niente strade asfaltate né auto ma soltanto un faro e un piccolo borgo di pescatori dotato dei servizi essenziali.

Immagini del Trekking in Croazia

Trekking in Croazia: programma giorno per giorno

GIORNO 1: arrivo in Croazia

Ritrovo alla stazione ferroviaria di Monfalcone verso le 11.00 e partenza in pullmino per l’isola di Lussino (Lošinj). Il tragitto da Trieste a Lussino è di ca. 5h: la durata del trasferimento può tuttavia subire delle variazioni in base all’orario del traghetto. Arrivati a Lussino sistemazione in struttura e primo assaggio dell’isola con passeggiata sul lungomare di Lussinpiccolo e salita al belvedere del vicino Monte Baston (1h) per godere il tramonto. Da qui si gode una stupenda vista sulla cittadina di Lussinpiccolo (Mali Lošinj) e su alcune isole dell’arcipelago. Rientro in struttura, cena libera e pernottamento.

Distanza: 8,4 km
Dislivelli: + 166 m / – 166 m
Ore cammino: 2,15 h

GIORNO 2: il sentiero dei delfini e Lussingrande (trek e mare)

Percorso ad anello alla scoperta della parte meridionale dell’isola per percorrere il “sentiero dei delfini“, un percorso splendido, spesso all’ombra di pini o immerso nella macchia mediterranea, che attraversa alcune delle più belle baie dell’isola. Lungo il percorso merita assolutamente fare un tuffo nelle limpide acque color turchese delle più belle spiagge nascoste.

Il percorso è chiamato “dei delfini” perché qui si ha la migliore opportunità di vedere i delfini dalla costa. Lasceremo quindi la costa per salire verso la trasversale lussignana dalla quale si godono splendidi panorami sull’Adriatico.

Da qui si scende sul versante opposto per raggiungere Lussingrande (Veliki Lošinj), antico borgo di pescatori che con i suoi mille abitanti è il secondo centro abitato dell’isola (sì non è un refuso, Lussinpiccolo è in realtà il centro abitato più grande!). Il borgo di Lussingrande è molto suggestivo con le sue strette viuzze, il bel porticciolo e le antiche ville di quelli che furono capitani di lungo corso, armatori e ricchi signori di un tempo. Rientro in struttura, cena libera e pernottamento.

Distanza: 15 km
Dislivelli: + 370 m / – 370 m
Ore cammino: 4,5 h

GIORNO 3: trekking ad anello sul monte Ossero

Oggi ci attende un’escursione ad anello sul monte Ossero (Osoršćica) che con i suoi 588 m. è la montagna più alta delle isole dell’Adriatico. Dalla cima si gode di uno dei panorami più belli di tutto il Quarnero con splendide viste panoramiche su tutto l’arcipelago di Lussino, sulla costa istriana, la catena montuosa del Velebit. Nelle giornate limpide la vista arriva perfino fino al Gorski Kotar, il Triglav e le isole di Arbe, Pago e Silba. Non distante dalla vetta si trova anche un rifugio di montagna dove, se aperto, è possibile rinfrescarsi.

Il sentiero per arrivare in vetta alterna tratti ombrosi nel folto della macchia mediterranea (con prevalenza di lecci), ad altri più assolati, dove si cammina tra salvia e ginepri. Non vi è ad ogni modo alcuna difficoltà tecnica tranne il dislivello da percorrere. Prima di fare ritorno in struttura ci fermeremo a visitare la vicina città museo di Osor, in tempi antichi la città più importante delle Absirtidi. L’antico borgo è situato in prossimità di un sottilissimo istmo che riuniva anticamente le isole di Cherso e Lussino e che già in epoca romana fu tagliato mediante il canale della Cavanella. Osor è un vero e proprio museo a cielo aperto con i resti delle antiche mura, di fortezze e della prima basilica paleocristiana. I giardini e parchi nascondono tra il verde numerosi resti di antiche ville nobiliari, di conventi e di portali rinascimentali. Da Osor rientro in struttura, cena libera e pernottamento.

Distanza: 15,3 km
Dislivelli: + 620 m / – 620 m
Ore cammino: 5 h

GIORNO 4: incontro con i delfini di Lussino

Mattinata interamente dedicata ai delfini di Lussino con visita al Centro di Educazione Marina dove lo staff del Blue World Institute ci introdurrà al mondo di questi splendidi mammiferi. Se le condizioni meteo saranno favorevoli saliremo a bordo di un’imbarcazione per un’uscita in mare alla ricerca dei delfini (la durata dell’escursione può variare da 1 a 3 ore) altrimenti, in caso di brutto tempo, verrà organizzato un interessante workshop che ci farà scoprire tanti aspetti poco conosciuti della vita di questi iconici animali. 

Conclusa l’esperienza seguirà tempo libero per il resto della giornata. Chi ama il mare potrà godersi una delle magnifiche spiagge dell’isola. Per chi invece è alla ricerca di un’attività più culturale consigliamo la visita dello splendido museo di Lussinpiccolo dedicato alla statua dell’Apoxyómenos. Questo museo offre un’esperienza insolita in quanto strutturato in modo tale da offrire ai visitatori sensazioni sensoriali speciali tramite il gusto, l’olfatto, l’udito e la vista.

GIORNO 5: trekking fino alla punta dell’isola

Un’altra giornata all’insegna del trekking e del mare! Seguendo un altro percorso ad anello raggiungeremo il punto finale dell’isola, la baia di Mrtvaska. Percorreremo un altro tratto del sentiero dei delfini tra le due sponde dei lati occidentale e orientale dell’isola. Lungo il sentiero, bellissimo e selvaggio, si hanno nuovi panorami, profumi, emozioni. Dalla baia di Mrtvaska vedremo a poca distanza l’isola pedonale di Asinello, chiamata anche “l’isola dei fiori” per i suoi giardini di oleandri, palme, rose e altre varietà floreali.

Ci sposteremo quindi verso la baia di Trasorka seguendo un percorso cinto in alcuni punti da mura a secco di pietra alte fino a tre metri. La baia di Kriška è invece dominata da un molo lungo circa 20 metri, costruito durante la monarchia austro-ungarica. Durante l’itinerario è sempre possibile fermarsi per un bagno rinfrescante. Lasciata la costa si prosegue quindi salendo dolcemente tra gli uliveti di Lussingrande per arrivare fino alla chiesetta di San Nicola del 14. secolo, dove secondo la tradizione i primi coloni si stabilirono sull’isola di Lussino nel 1280. Rientro in struttura, cena libera e pernottamento.

Distanza: 15 km
Dislivelli: + 423 m / – 423 m
Ore cammino: 4,30 h

GIORNO 6: escursione sull’isola pedonale di Sansego (Susak)

Le isole più piccole dell’arcipelago regalano la piacevole sensazione di essere in un luogo senza tempo. Per un vero “viaggio nel viaggio” non c’è quindi niente di meglio che prendere il largo (con traghetto o ‘taxi boat’) ed andare su una di queste isolette remote dove non ci sono strade asfaltate né auto ma solo piccoli borghi di pescatori dotati dei servizi essenziali.

La sabbiosa Sansego è conosciuta fin dall’antichità per essere l’isola del buon vino e dei vigneti terrazzati. I principali mezzi di trasporto qui sono il piccolo trattore e la carriola. Noi la esploreremo a piedi imboccando uno dei sentieri sabbiosi che, partendo dall’unico villaggio dell’isola, conduce attraverso campi e vigneti. Raggiungeremo il faro che si trova nel punto più alto dell’isola (98 m) e il punto orientale più estremo. Lungo il percorso ci accompagneranno splendide viste sull’isola di Lussino e la vicina isola di Canidole (Vele Srakane). Rientro in struttura, cena libera e pernottamento.

Distanza: 11 km
Dislivelli: + 140 m / – 156 m
Ore cammino: 3 h

 

GIORNO 7: arrivederci Croazia

Partenza al mattino e rientro alla stazione ferroviaria di Monfalcone verso Trieste (tragitto in pullmino di ca. 5h).

Quota: 1.090€ (*) per gruppo di 8 pax

Questo viaggio è strutturato per un piccolo gruppo da 5 a 8 persone. 

(*) Supplemento 5 partecipanti
100€
La quota include:
  • guida ambientale escursionistica per tutta la durata del viaggio
  • servizio di segreteria ed iscrizione al viaggio
  • pernottamenti con colazione in hotel 4* in camere doppie

  • tutte le colazioni
  • trasferimenti con minivan 9 posti per tutta la durata del viaggio
  • utilizzo gratuito della piscina con lettini e ombrelloni
  • utilizzo gratuito delle mountain bike
  • biglietto A/R traghetto da Brestova a Porozina
  • traghetto/taxi boat da Mali Lošinj all’isola di Susak A/R
  • assicurazione medico/bagaglio
La quota non include:
  • viaggio di a/r per Monfalcone
  • pranzi, cene, alimenti e bevande supplementari ed extra in genere
  • le spese di gasolio e traghetto del minivan (circa 180 euro da dividere per il numero dei partecipanti)
  • uscita in barca (60,00€) o in caso di maltempo workshop (30,00€) con il Blue World Institute of Marine Research and Conservation
  • tassa di soggiorno (1,80€ a persona al giorno)
  • assicurazione annullamento stipulabile fino a 1 mese prima della partenza
  • extra di carattere personale
  • tutto quanto non indicato sotto la voce “comprende”

Cosa vedere sulle isole del Quarnero in Croazia

  • il lungomare di Lussinpiccolo e il belvedere del vicino Monte Baston
  • il sentiero dei delfini: la migliore opportunità di vedere i delfini dalla costa
  • il monte Ossero, uno dei panorami più belli di tutto il Quarnero, e Osor un vero e proprio museo a cielo aperto
  • il Centro di Educazione Marina
  • la baia di Mrtvaska e la baia di Trasorka
  • l’isola pedonale di Sansego

Mappa delle isole del Quarnero

Meteo e Clima in Crozia

L’isola di Lussino, conosciuta anche come Lošinj in croato, è situata nel Mar Adriatico, al largo della costa croata. Il clima sull’isola è di tipo mediterraneo, caratterizzato da estati calde e secche e inverni miti e umidi. Ecco una descrizione più dettagliata delle stagioni sull’isola:

Estate (giugno-agosto):

  • Le estati sono calde e asciutte con temperature medie che possono superare i 30 gradi Celsius.
  • Il mare è piacevolmente caldo, invitando i visitatori a godersi le spiagge e le attività acquatiche.
  • Le giornate sono lunghe, con molte ore di sole.

Autunno (settembre-novembre):

  • L’autunno è caratterizzato da temperature più miti rispetto all’estate, ma ancora abbastanza piacevoli per esplorare l’isola.
  • Le piogge aumentano gradualmente, contribuendo a mantenere l’isola verde e rigogliosa.

Inverno (dicembre-febbraio):

  • Gli inverni sono miti, con temperature che raramente scendono al di sotto dello zero.
  • Le precipitazioni sono più frequenti in questa stagione, ma sono generalmente sotto forma di pioggia.
  • L’isola mantiene il suo fascino anche in inverno, con una vegetazione sempreverde e un’atmosfera tranquilla.

Primavera (marzo-maggio):

  • La primavera porta un graduale aumento delle temperature e una rinascita della flora.
  • I giorni diventano più lunghi, e la stagione è ideale per esplorare la natura rigogliosa dell’isola.
  • Le precipitazioni diminuiscono rispetto all’inverno.

Complessivamente, il clima dell’isola di Lussino è favorevole al turismo per gran parte dell’anno, con le stagioni estive che attraggono maggiormente i visitatori desiderosi di godersi il sole e le attività all’aperto. 

Leggi maggiori info su Meteo e Clima in Croazia qui!

La guida che camminerà con te
Roberto e Martina
Roberto e Martina

Siamo Martina e Roberto e queste terre di confine sono la nostra casa.

Nati e cresciuti in questo contesto multiculturale, le nostre radici sono profondamente interconnesse con la storia e l’ambiente di questo angolo di mondo. I nostri viaggi esperienziali sono frutto della diretta conoscenza del territorio di cui facciamo parte. Vogliamo introdurvi quindi nel nostro mondo e farvi conoscere i suoi fiori all’occhiello e le sue gemme più nascoste.

Per farlo abbiamo scelto un approccio quanto più etico e sostenibile possibile, contrario ai ritmi frenetici del turismo di massa del prendi e vai. Perché viaggiare oggi vuol dire anche fermarsi un po’ a rifiatare per prendersi il tempo di ascoltare ciò che il mondo che ci circonda ha da dirci.

1 persone sono interessate a questo evento!