(+39) 3934091729 info@dumacanduma.org

Login

Registrati

Crea il tuo account per prenotare le tue attività e interagire sul sito
Username*
Password*
Conferma password*
Nome*
Cognome*
Codice fiscale*
Data di nascita*
Email*
Cellulare*
Nazionalità*
Indirizzo*
Acconsento al trattamento dei dati personali secondo la informativa sul trattamento dei dati personali (art. 13 D.lgs. 196/2003) (art. 13 GDPR 679/2016)
Per favore, accetta i termini e le condizioni per inviare il tuo messaggio.

Hai già un account?

Login

La casetta in Canadà

0
Val Noce
Quota 20€
ISCRIVITI
CHIEDI INFO
Nome e cognome*
Indirizzo email*
Chiedi informazioni*
Acconsento al trattamento dei dati personali secondo l'informativa sul trattamento dei dati personali (art. 13 D.lgs. 196/2003) (art. 13 GDPR 679/2016)
Per favore, accetta i termini e le condizioni per inviare il tuo messaggio.
Dicembre 16, 2023
* Per favore seleziona tutti i campi richiesti per poter procedere con la prenotazione

Iscriviti

Aggiungi alla Lista dei Desideri

Per aggiungere un tour alla Lista dei Desideri devi creare un account

17410

Iscriviti alla Newsletter!

La casetta in Canadà

0
  • Calendario
    16 dicembre 2023
  • Destinazione
    Val Noce
  • Gruppo
    Max 15 partecipanti

Nei boschi della Val Noce sotto una verticale parete che sembra un’immensa vela c’è una casetta del Canada.

La struttura del rifugio Melano che improvvisamente si incontra al limitar del bosco sotto la Rocca Sbarua ha una storia speciale degna di essere raccontata proprio come una fiaba.

Il legno del rifugio è pino canadese e all’interno di questa grande baita c’è un grande cedro, tutto materiale ligneo proveniente dal lontano Canada. In occasione delle Olimpiadi Invernali del 2006 il Canada come presidio territoriale a Torino manda con ben 22 container del legno per la composizione di casa Canada.

Questo legno è speciale perché nessuna pianta è stata appositamente tagliata per la realizzazione, anche il grande cedro è stato rinvenuto sulla spiaggia dell’Oceano.

Ideata dalla Sitka Log Homes di John Johnson la struttura è perfettamente integrata con l’ambiente montano italiano ed i boschi pinerolesi. Durante le Olimpiadi era stata montata in Piazza Aldo Fusi e poi donata dal Canada all’amministrazione torinese dove l’allora sindaco Chiamparino aveva avuto la brillante idea di farla diventare un rifugio-

Il nostro itinerario parte da Cantalupa, delizioso comune dall’insolito nome che gli studiosi pensano derivi dal gallico e significa “ roccia sopra le alture” .Si ritiene che i primi abitanti siano stati i Taurini rifugiatisi sui contrafforti pedemontani per sfuggire all’annientamento di Annibale nel 218 a.C.

Il sentiero che si inoltra nei boschi costeggia il torrente Noce e sale fino al Colle dell’Eremita dove la visuale si amplia e compaiono prati e grandi castagni coltivati. Lungo il sentiero incontriamo una ricostruzione di un’antica carbonaia e con un bel sentiero nella faggeta giungiamo al rifugio dove sarà possibile mangiare qualcosa per chi lo desidera, chiudiamo l’anello scendendo al tratto che ci porta nuovamente a costeggiare il torrente Noce.

 

Difficoltà

 

Dislivello (m)

700

 

Sviluppo (Km)

11

 

Tempo di cammino (h)

4/5

 

Quota max (m)

1080 m s.l.m. circa

 

Ritrovo

Ore 9 a Cantalupa (da confermare) / possibilità di viaggio condiviso da Torino

 

Tipologia di itinerario

anello

Pranzo

Al sacco con propri viveri

Abbigliamento

Scarponcini o scarpe da trekking, borraccia (piena), abbigliamento in relazione alla stagione (sia da caldo che da freddo con indumenti impermeabili e antivento), bastoncini consigliati.

Foto
3 persone sono interessate a questo evento!