Pasqua in Liguria in Val Pennavaire

separator
Price 90€ 3 giorni
Scroll down

Pasqua in Liguria in Val Pennavaire

90€ per person

Quale miglior momento se non la Pasqua per trascorrere tre giorni alla scoperta della Val Pennavaire? Situata a circa 15 km dalla costa, la zona è più comunemente conosciuta come l’Albenghese. Qui il paesaggio, con l’imponente parete del Castell’Ermo e il suo bianco calcare che incombono sul bosco sottostante e sui borghi a solatio, non ha nulla da invidiare alle più celebri Dolomiti!

Alternando itinerari sulla costa e nell’entroterra, più o meno vicini alla distesa del mare, ogni giorno esploreremo una zona diversa inebriati dai profumi tipici della macchia mediterranea (olivi, limoni e piante aromatiche) che nelle calde giornate esaltano nell’aria.

Tratti di antiche strade romane lungo la costa, mulattiere che conducono a grotte, splendidi scorci dell’isola Gallinara, vette prative e panoramiche da dove si scorgono le Alpi Liguri e la linea di costa. Tre giorni di totale immersione nel clima, nel sapore e nei colori della Liguria!

 

20, 21 e 22 APRILE 2019
Programma in breve

1° GIORNO: da Alassio ad Albenga passando dal Monte Bignone e per la strada romana Julia Augusta, una delle zone della Liguria dove maggiormente si sono conservati i selciati e le antiche testimonianze romaneDal Monte Bignone uno splendido panorama domina la costa con l’isola di Gallinara in primo piano. Visita ad Albenga.

 

2° GIORNO: da Veravo al Monte Alpe. Veravo è un piccolo borgo del comune di Castelbianco. Partiamo a piedi dal nostro B&B per raggiungere l’imbocco del sentiero. Entriamo in un bosco misto di carpini, frassini fino a quando la vegetazione lascia spazio alle bianche rocce calcaree e ai prati più in quota fino a raggiungere la vetta del Monte Alpe.

 

3° GIORNO: da Alto a Caprauna, un’escursione alla scoperta dell’entroterra. Ci spostiamo ad Alto, conosciuto soprattutto per il suo castello da dove parte una suggestiva mulattiera che costeggia il torrente Pennavaire, qui molto incassato. Incontriamo sull’itinerario delle arme, come chiamano qui le grotte, e raggiungiamo il paese di Caprauna, presidio Slow Food per la rapa. Ritorniamo ad Alto per una merenda sinoira prima del rientro a casa.

 

ADATTO A
Camminatori mediamente allenati in buona forma e salute

RITROVO
Luogo e orario di ritrovo verranno comunicati ai soli partecipanti al weekend a chiusura delle iscrizioni.

PRANZI
Al sacco con propri viveri.

CENA
Presso ristorantini della zona (considerare 20€/25€).

ABBIGLIAMENTO
Scarponcini da trekking, borraccia e/o thermos, abbigliamento in relazione alla stagione, bastoncini da trekking/nordic walking.

QUOTA DI PARTECIPAZIONE
Accompagnamento e organizzazione: 90€ (richiesta caparra confirmatoria di 30€ al momento dell’iscrizione, saldo 15 giorni prima della partenza)

SISTEMAZIONE
Saremo sistemati presso il B&B Arvé nella piccola frazione di Vesallo nel piccolo comune di Castelbianco a circa 340 metri sul livello del mare, che deve il suo nome alla presenza di un piccolo e antico presidio difensivo, ridotto ormai a pochi ruderi. La sistemazione è in camere doppie/triple e il costo per le due notti con il trattamento di B&B è di 60€ a persona (da saldare in loco).

3 giorni
    1
    1° giorno: da Alassio ad Albenga
    Da Alassio ad Albenga passando dal Monte Bignone e per la strada romana Julia Augusta, una delle zone della Liguria dove maggiormente si sono conservati i selciati e le antiche testimonianze romaneDal Monte Bignone uno splendido panorama domina la costa con l’isola di Gallinara in primo piano. Visita ad Albenga.
    2
    2° giorno: da Veravo al Monte Alpe
    Veravo è un piccolo borgo del comune di Castelbianco. Partiamo a piedi dal nostro B&B per raggiungere l’imbocco del sentiero. Entriamo in un bosco misto di carpini, frassini fino a quando la vegetazione lascia spazio alle bianche rocce calcaree e ai prati più in quota fino a raggiungere la vetta del Monte Alpe.
    3
    3° giorno: da Alto a Caprauna
    Da Alto a Caprauna, un'escursione alla scoperta dell’entroterra. Ci spostiamo ad Alto, conosciuto soprattutto per il suo castello da dove parte una suggestiva mulattiera che costeggia il torrente Pennavaire, qui molto incassato. Incontriamo sull’itinerario delle arme, come chiamano qui le grotte, e raggiungiamo il paese di Caprauna, presidio Slow Food per la rapa. Ritorniamo ad Alto per una merenda sinoira prima del rientro a casa.
    I° GIORNO
    Difficoltà3 piedini (consulta scala di difficoltà)
    Dislivello500
    Sviluppo (Km)-
    Percorrenza (h)4/5
    Quota max (m)521
    PartenzaAlbenga
    Tipologia di itinerarioad anello
     II° GIORNO
    Difficoltà3,5 piedini (consulta scala di difficoltà)
    Dislivello750
    Sviluppo (Km)-
    Percorrenza (h)5,5 circa
    Quota max (m)1056
    PartenzaVeravo
    Tipologia di itinerariolineare
     III° GIORNO
    Difficoltà2,5 piedini (consulta scala di difficoltà)
    Dislivello400
    Sviluppo (Km)-
    Percorrenza (h)4 circa
    Quota max (m)1039
    PartenzaAlto
    Tipologia di itinerariolineare