(+39) 3934091729 info@dumacanduma.org

Login

Registrati

Crea il tuo account per prenotare le tue attività e interagire sul sito
Username*
Password*
Conferma password*
Nome*
Cognome*
Codice fiscale*
Data di nascita*
Email*
Cellulare*
Nazionalità*
Indirizzo*
Acconsento al trattamento dei dati personali secondo la informativa sul trattamento dei dati personali (art. 13 D.lgs. 196/2003) (art. 13 GDPR 679/2016)
Per favore, accetta i termini e le condizioni per inviare il tuo messaggio.

Hai già un account?

Login
(+39) 3934091729 info@dumacanduma.org

Login

Registrati

Crea il tuo account per prenotare le tue attività e interagire sul sito
Username*
Password*
Conferma password*
Nome*
Cognome*
Codice fiscale*
Data di nascita*
Email*
Cellulare*
Nazionalità*
Indirizzo*
Acconsento al trattamento dei dati personali secondo la informativa sul trattamento dei dati personali (art. 13 D.lgs. 196/2003) (art. 13 GDPR 679/2016)
Per favore, accetta i termini e le condizioni per inviare il tuo messaggio.

Hai già un account?

Login

Ti sei mai chiesto perché cammini?

La domanda è semplice. La risposta, tuttavia, genera sempre qualche imbarazzo in chi deve pronunciarsi. Ci si accorge così, nel momento stesso in cui si cercano le parole adatte, che camminare è qualcosa che va ben oltre un semplice atto fisico e non riuscire ad esprimere tutto quell’insieme di emozioni e sensazioni che ci pervadono mentre lo facciamo, ne è la dimostrazione.

La montagna è il luogo privilegiato in cui spesso scelgo di muovermi e di farmi attraversare. Senza il bisogno di elevarmi sopra a qualcosa, quanto piuttosto di allontanarmene, in montagna cammino spesso da solo trovando più facilmente le risposte che sto cercando.

DUMA C'ANDUMA @Gran Piano di Noasca
Salendo al Gran Piano di Noasca (Parco Nazionale del Gran Paradiso)

Cammino per gratitudine.
Nei confronti della vita e del tempo che mi è concesso. Per le cose belle e quelle che, meno belle, hanno fatto di me la persona che sono oggi.
Così, ogni volta dico “grazie“. Lo faccio davvero! Mi fermo, apro le braccia, rivolgo lo sguardo all’insù e ringrazio. Cosa o chi proprio non lo so. Ma ringrazio!

Cammino per sentirmi piccolo, minuscolo, insignificante.
Cammino, per assurdità, per sentirmi vasto.

Questo mondo è una meraviglia. Non c’è niente da fare, è una meraviglia. E se riesci a sentirti parte di questa meraviglia – ma non tu, con i tuoi due occhi e i tuoi due piedi; se Tu, questa essenza di te, sente d’essere parte di questa meraviglia – ma che vuoi di più, che vuoi di più? Una macchina nuova?

Tiziano Terzani

Cammino per avvicinarmi a qualcosa.
Per scoprire che oltre a quello che vediamo esiste un’energia potente che, per convenzione, potremmo definire “divina“.
Perché quello che vedo dinanzi ai miei occhi è quanto di più simile al Paradiso possa esistere. Se è vero che esiste il divino, eccolo lì di fronte a me.

L'alba sulle Dolomiti - Suoni delle Dolomiti 2012
L’alba sulle Dolomiti – Suoni delle Dolomiti 2012

Cammino per sentirmi precario, di passaggio.
Nel camminare, pervaso di tutte queste sensazioni, pensi alla vita e pensi alla morte (di cui non ti è concesso discutere con nessuno). Precario e di passaggio senti intorno a te una potenza in grado di spazzarti via come niente. A quel punto anche prudenzapaura diventano tue compagne di viaggio.

Cammino per faticare.
Fatica che riconduce il mio corpo al “qui e ora”, concetto orientale in cui passato e futuro non esistono perché esiste solo il presente.

Cammino perché sono fortunato.
Cammino per sentirmi libero. 

E tu, perché cammini?

Camminiamo  per imparare di più, per sconvolgerci, per esplorare, per visitare le brutture della vita. Per portare a esse un soccorso. E’ quindi un meditare coraggioso, una sfida verso se stessi.

Duccio Demetrio (Filosofia del camminare)

Lascia un commento

Benvenuto nel nostro blog!

Dove si parla di escursioni, trekking, cammini, viaggi a piedi e viaggi in bici.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ultime escursioni inserite

Guarda le nostre Cicloescursioni

Biketrotter Viaggi e Vacanze in Bici