montagna

Scrivere e parlare di cacca non è proprio argomento da signorine, non è educato parlarne a tavola ed è ritenuto piuttosto volgare e disdicevole narrarne particolari.Nella letteratura si trova che famosi personaggi come Mozart utilizzassero l'argomento come un divertente passatempo anche per intrattenere l'altro sesso. Ci sono scambi di missive dell'insigne compositore che scrive dei propri e altrui escrementi con dovizia di particolari, alla cugina e alla moglie. C'è addirittura un vocabolo per descrivere questa tendenza del discorrere di cacca,

Correre nella neve fa tornare subito bambini. Ed è una cosa che ci concediamo poche volte ma che dovremo fare più spesso perché fa solo bene. Sintesi di una giornata speciale con persone speciali!___ DUMA C'ANDUMA - Trekking e Viaggi a Piedi www.dumacanduma.orgFacebook: https://facebook.com/dumacanduma Instagram: https://www.instagram.com/dumacanduma Twitter: https://twitter.com/dumacandumaDUMA C'ANDUMA fa parte di: www.trekkilandia.it

Tra molteplici ambienti boschivi caratterizzati da un continuo "munta e cala", questa escursione si muove tra bellissimi castagni, altissimi faggi e stupende betulle che hanno popolato i versanti più soleggiati. Il rifugio agrituristico Salvin è situato nelle Valli di Lanzo e più precisamente nell’alta valle del Tesso a quota 1580 m ed è posto in posizione panoramica, adagiato sui pascoli e con una vista grandiosa verso Lanzo e, in lontananza, anche verso Torino. L'edificio denota ancora l’originale struttura di malga

La persona che vedete camminare di fronte a me è Mario Fraternali. Avete capito bene! Lo stesso Mario Fraternali della casa editricie omonima che dal 2005 ha percorso quasi 40000 km a piedi e oltre un milione di metri di dislivello al fine di produrre tanta, tantissima, ma proprio tanta cartografia escursionistica di dettaglio per il Piemonte, la Liguria, la Valle d’Aosta e la Francia.Man mano che ci addentriamo lungo il Sentiero della Fossa dei Cinghiali di Monteu Roero e

La via ferrata Carlo Giorda è un percorso attrezzato che parte da Sant'Ambrogio di Torino per raggiungere la cima del monte Pirchiriano (962 m s.l.m.) sulla cui sommità sorge l'Abbazia della Sacra di San Michele, nel Gruppo dell'Orsiera delle Alpi Cozie, che con il vicino monte Ciabergia e l'antistante Musinè segna visivamente lo sbocco della valle di Susa sulla Pianura Padana. È intitolata a Carlo Giorda (1946-1985) santambrogese, appassionato alpinista. Egli, dopo aver frequentato la Scuola di Alpinismo Cervino della

Il pian dell’Orso è un dolce pascolo erboso al confine tra la Val Sangone e la Val di Susa. E’ caratterizzato dall’antica cappella della Trasfigurazione del 1814 e da un panorama mozzafiato su tutta la Valle. Lo raggiungeremo su meravigliosi e panoramici sentieri del versante sinistro della Val Sangonetto con un percorso ad anello di notevole interesse dal punto di vista naturalistico, geologico e storico. In queste zone di accesso al Parco naturale dell’Orsiera Rocciavrè è facile incontrare tracce dei più

All’estremo limite occidentale della terra d’Italia, in fondo alla Vallée Etroite su Bardonecchia, là ove essa si interna nel centro dei Monti Savoiardi, s’innalza iI Monte Tabor, a 3175 metri sul livello del mare. La salita di questa vetta non è una di quelle ascensioni, le quali danno all’alpinista il diritto di sedere fra gli eletti della montagna, mettendolo però prima nel continuo pericolo di andarne difilato a raggiungere i suoi avi in paradiso, ma è invece una modesta escursione,

Nel Medioevo il Rocciamelone era considerata la montagna più alta delle Alpi. La prima salita risale al 1 settembre del 1358 ad opera di Rotario d’Asti allo scopo di suggellare un voto e porre un trittico bronzeo sulla vetta. Con i suoi 3538 metri è la montagna più alta della Val Susa, immediatamente riconoscibile da ogni parte di Torino. Una pagina aperta che termina con una punta aguzza che tocca il cielo. Si parte a piedi dalla Riposa, località alla fine della lunga strada

La montagna è collocata alla testata della Val Sangone ed all'inizio dello spartiacque tra la Val Chisone e la Val di Susa. Benché la sua vetta faccia parte del comune valsangonese di Coazze, e la sua posizione non occupi esattamente il punto in cui si spartiscono le acque delle tre valli, può essere considerato il monte che chiude la valle, e ad ovest del quale le altre due valli sopra citate confinano direttamente.Sulla vetta vi sono una cappella eretta nel 1900 che è stata dedicata al

Una cima classica e molto frequentata della Valle di Susa che conduce ai resti di quella ce al suo tempo fu una dell più munite piazzeforti europee. La fortezza fu edificata sul finire del secolo scorso e per la sua realizzazione fu necessario abbassare di alcuni metri la sommità della montagna. Col trattato di pace tutta la zona è passata sotto sovranità francese e le strutture smilitarizzate e rovinate sono solo un pallido ricordo della passata grandezza.Video sintesi di un'escursione firmata DUMA C'ANDUMA