escursionismo

Tra molteplici ambienti boschivi caratterizzati da un continuo "munta e cala", questa escursione si muove tra bellissimi castagni, altissimi faggi e stupende betulle che hanno popolato i versanti più soleggiati. Il rifugio agrituristico Salvin è situato nelle Valli di Lanzo e più precisamente nell’alta valle del Tesso a quota 1580 m ed è posto in posizione panoramica, adagiato sui pascoli e con una vista grandiosa verso Lanzo e, in lontananza, anche verso Torino. L'edificio denota ancora l’originale struttura di malga

All’estremo limite occidentale della terra d’Italia, in fondo alla Vallée Etroite su Bardonecchia, là ove essa si interna nel centro dei Monti Savoiardi, s’innalza iI Monte Tabor, a 3175 metri sul livello del mare. La salita di questa vetta non è una di quelle ascensioni, le quali danno all’alpinista il diritto di sedere fra gli eletti della montagna, mettendolo però prima nel continuo pericolo di andarne difilato a raggiungere i suoi avi in paradiso, ma è invece una modesta escursione,

La montagna è collocata alla testata della Val Sangone ed all'inizio dello spartiacque tra la Val Chisone e la Val di Susa. Benché la sua vetta faccia parte del comune valsangonese di Coazze, e la sua posizione non occupi esattamente il punto in cui si spartiscono le acque delle tre valli, può essere considerato il monte che chiude la valle, e ad ovest del quale le altre due valli sopra citate confinano direttamente.Sulla vetta vi sono una cappella eretta nel 1900 che è stata dedicata al

Una cima classica e molto frequentata della Valle di Susa che conduce ai resti di quella ce al suo tempo fu una dell più munite piazzeforti europee. La fortezza fu edificata sul finire del secolo scorso e per la sua realizzazione fu necessario abbassare di alcuni metri la sommità della montagna. Col trattato di pace tutta la zona è passata sotto sovranità francese e le strutture smilitarizzate e rovinate sono solo un pallido ricordo della passata grandezza.Video sintesi di un'escursione firmata DUMA C'ANDUMA

Ubicate tra la Valle Ellero e la Valle Pesio, delimitando una parte di confine del Parco Naturale Alta Valle Pesio e Tanaro, le Cime di Serpentera si trovano, più precisamente, in Valle Ellero. Una valle che si sviluppa per circa 25 km e che è poco frequentata dal turismo. A questo ha contribuito il fatto che l’unico centro abitato della valle è Roccaforte Mondovì. La valle rappresentò per secoli un transito verso la Valle Tanaro e la costa ligure, sia come via di transumanza sia come «via del sale» (attestato da vari toponimi, per esempio

I Picchi del Pagliaio, elevazioni rocciose che spiccano dallo spartiacque che separa il vallone del Sangonetto da quello del Ricciavrè, sono i protagonisti indiscussi di questa escursione. Le tre cime principali, collegate da creste articolate e da numerosi denti rocciosi, agli inizi del ‘900 furono famose palestre di arrampicata frequentate dai pionieri dell’alpinismo piemontese ma ora dimenticate.Lassù lo sguardo spazia sulla Valle di Susa, sul Civrari, sul Musinè, si allarga alle Valli di Lanzo, raggiunge il Rocciamelone e vola lontano fino al Monte Bianco e al Gran Paradiso,

Abbiamo selezionato 10 fra le oltre 150 escursioni organizzate in 3 anni! Certo, non è stato facile! Proprio per questo motivo vogliamo precisare che quella che troverai non ha la pretesa di essere nè la lista delle più belle escursioni in Piemonte nè tantomeno la classifica degli itinerari escursionistici più belli fatti con DUMA C'ANDUMA. Si tratta, semplicemente, di 10 percorsi che vogliamo farvi scoprire. Allora, iniziamo? 1. Il Colle del Vento (Val Sangone - TO)Escursione bellissima e di ampio respiro alla

La zecca è un artropode appartenente alla classe degli aracnidi, proprio come i ragni e gli scorpioni! La sua particolarità, però, è quella di essere un organismo ematofago! Per compiere il suo ciclo vitale costituito da 4 stadi (uovo, larva, ninfa e adulto), si nutre attraverso il cosiddetto “pasto di sangue” parassitando uno o più animali, uomo compreso. Le zecche sono animali diffusi in tutto il mondo e ne esistono circa 900 specie differenti. Per noi umani, camminatori in Italia e inEuropa,

Perché è la libertà che il viaggiatore a piedi rivendica: libertà di movimento, libertà di osservare, libertà di spirito. Emeric Fisset - L'ebbrezza del camminare Non me ne voglia Reinhold Messner se, per il titolo di questo articolo, mi sono permesso di utilizzare quello di un libro in cui racconta la sua vita di alpinista. Ma, chi mi conosce, sa bene che la libertà è un valore, oltreché un diritto, al quale tengo molto. Forse, anche se non ci credo troppo, insieme alla