(+39) 3934091729 info@dumacanduma.org

Login

Registrati

Crea il tuo account per prenotare le tue attività e interagire sul sito
Username*
Password*
Conferma password*
Nome*
Cognome*
Codice fiscale*
Data di nascita*
Email*
Cellulare*
Nazionalità*
Indirizzo*
Acconsento al trattamento dei dati personali secondo la informativa sul trattamento dei dati personali (art. 13 D.lgs. 196/2003) (art. 13 GDPR 679/2016)
Per favore, accetta i termini e le condizioni per inviare il tuo messaggio.

Hai già un account?

Login
(+39) 3934091729 info@dumacanduma.org

Login

Registrati

Crea il tuo account per prenotare le tue attività e interagire sul sito
Username*
Password*
Conferma password*
Nome*
Cognome*
Codice fiscale*
Data di nascita*
Email*
Cellulare*
Nazionalità*
Indirizzo*
Acconsento al trattamento dei dati personali secondo la informativa sul trattamento dei dati personali (art. 13 D.lgs. 196/2003) (art. 13 GDPR 679/2016)
Per favore, accetta i termini e le condizioni per inviare il tuo messaggio.

Hai già un account?

Login

ac-cò-glie-re (io ac-còl-go)
Ricevere qualcuno o qualcosa; accettare
Attraverso una presunta forma latina: accolligere, da colligere cogliere, raccogliere; a sua volta questo è composto da co- insieme e lègere raccogliere.

L’accoglienza è un’apertura: ciò che così viene raccolto o ricevuto viene fatto entrare – in una casa, in un gruppo, in sé stessi. Accogliere vuol dire mettersi in gioco, e in questo esprime una sfumatura ulteriore rispetto al supremo buon costume dell’ospitalità – che appunto può essere anche solo un buon costume. Chi accoglie rende partecipe di qualcosa di proprio, si offre, si spalanca verso l’altro diventando un tutt’uno con lui. E anche se l’accoglienza di un vecchio amico siciliano può parere aliena rispetto all’accoglienza del conoscente giapponese, rimangono il medesimo fenomeno, diverso solo perché diverse sono le persone e le culture e il loro modo di aprirsi, il loro modo di fare entrare.

Credo che la capacità di aprirsi e di mettersi in gioco sia una caratteristica di chi accoglie ma, in alcuni casi, soprattutto di chi deve (o dovrebbe) essere accolto. Penso alle storie di ognuno e alle avversità spesso più grandi di noi che la vita ci costringe ad affrontare. Penso alla voglia di uscire da una situazione difficile o a quella di iniziare una nuova vita.

Accoglienza è una parola grande, importante. Accoglienza è una parola pesante e potente. Così potente da poter sembrare fuori luogo se inserita in questo contesto. Ma non è affatto così. 
Camminare è un atto rivoluzionario, sovversivo e anticonformista. Un atto attraverso il quale recuperare valori antichi, profondi, che non fanno più parte di questo mondo. Così camminando impareremo ad accogliere e nell’accogliere impareremo a voltarci. A guardare il nostro compagno in difficoltà, a porgere una mano. Impareremo a rallentare, a fermarci e ad aspettare. Nell’accogliere impareremo a sorridere e a ringraziare di quel sorriso!

Accogliendo prendiamo una posizione contro quanto di sbagliato c’è in questa società.

Viaggiare è camminare verso l’orizzonte, incontrare l’altro, conoscere, scoprire e tornare più ricchi di quando si era iniziato il cammino.
Luis Sepúlveda

Lascia un commento

Benvenuto nel nostro blog!

Dove si parla di escursioni, trekking, cammini, viaggi a piedi e viaggi in bici.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ultime escursioni inserite

Guarda le nostre Cicloescursioni

In bici all'Abbazia di Novalesa

In Bici all’Abbazia di Novalesa

Ad Ormea col treno storico

Ad Ormea col treno storico!

Tour in Bici a Torino

Bike Tour dei Parchi di Torino

Corona di Delizie in bicicletta

La Corona di Delizie in Bicicletta