Maggio 2016

Forse la percezione del mondo non dipende dai luoghi, ma dall’andatura. Se vai lento, ovunque tu sia nella fascia temperata del Globo, le tue notti si popoleranno di grilli, belati, fumo di legna, erbe aromatiche, stelle. D’inverno ti addormenterai circondato di luce lunare fredda, odore di lana infeltrita e letame, tè bollenti e sogni caldi, quelli dove le persone hanno odore e sapore. In una parola, la vita. Paolo Rumiz

Quando mi sento ripetere le cose, le mie orecchie si chiudono implacabilmente e smetto di ascoltare quanto mi viene detto. Ma non solo! Se stai cercando di convincermi a fare qualcosa ripetendomi in continuazione di farla, sarà più facile che il risultato sia esattamente l'opposto rispetto a quanto mi stai suggerendo di fare. Non credo (per fortuna!) che funzioni per tutti nello stesso modo ma una cosa è certa: più un'informazione viene ripetuta, più diventa ridondante e perde di importanza. Certo, camminare fa bene, questo è fuori discussione. Fa

La domanda è semplice. La risposta, tuttavia, genera sempre qualche imbarazzo in chi deve pronunciarsi. Ci si accorge così, nel momento stesso in cui si cercano le parole adatte, che camminare è qualcosa che va ben oltre un semplice atto fisico e non riuscire ad esprimere tutto quell'insieme di emozioni e sensazioni che ci pervadono mentre lo facciamo, ne è la dimostrazione. La montagna è il luogo privilegiato in cui spesso scelgo di muovermi e di farmi attraversare. Senza il bisogno di elevarmi sopra a qualcosa, quanto